Se Caputo si fa in 4, Tedeschi raddoppia

Già le vedevo, “le iene” di Corato, andare in giro su Via Duomo con i loro SUV nerolucido, strombazzando in orario non concesso per festeggiare l’entrata in consiglio comunale del loro guru, sotto lo sguardo attento dei vigili coratini che fermano solo chi magari con la figlia celiaca ha avvicinato l’auto alla pizzeria per permettere ai propri cari di mangiare una pizza calda e non chi per prendere un gelato deve per forza di cose parcheggiare davanti la nuova gelateria di grido di Corato.

Credo che fossero già pronti i tricchetrac, i festoni da appendere nel comitato elettorale (a proposito, ma che fine hanno fatto sede del PDL Giovani e il sito istituzionale di Raffaele Caterina?, non le fanno più le gite culturali a Felifonte e allo Zoo Safari?) e i comizi di ringraziamento per l’entrata nel consiglio comunale di uno dei personaggi più chiaccherati delle scorse elezioni comunali e uno dei santini più commentati di questo blog. Meglio così per me, avrei dovuto azzerare e rifare il sondaggio, inserendo il suo nome tra i papabili candidati a sostituire quel gran consigliere comunale che è stato Pino Picca nel primo regno di Gino il Magnifico (altro che Lorenzo a Firenze). Una gran seccatura, visto che ormai sono vicino al traguardo dei 200 voti utili che mi ero prefissato all’inizio, per eleggere IL SUCCESSORE. E invece  succede quello che non ti aspetti. Ciò che neanche la lungimiranza di Coratolive è riuscito a prevedere, che a dire la verità a caldo aveva stravolto quelle che erano le leggi della fisica e della scienza,  proponendo al posto di Tedeschi neo “eletto” alla Provincia al posto del suo raccomandato Silvestris, Raffaele Caterina anzichè il dott. Simone. E qui mi chiedo, perchè? Se uno è nel CDA dell’Asipu non può fare anche il consigliere comunale? Il solito mistero all’italiana dove abbiamo il predidente del consiglio che è tutto un conflitto di interessi e ci stiamo a lamentare per l’incompatibilità presunta tra due cariche. Di cui almeno una (quella di consigliere comunale) inutile e insignificante perchè comunque comanda e dispone tutto Gino.

Comunque, dicevo, quella che deve aver subito il buon Eyesblue alias Raffaele Caterina nel leggere le assurde (di questo ne parlo dopo) dichiarazioni di Sergio Tedeschi, l’uomo che amava abbinare la cravatta al colore dei suoi baffi, deve essere simile alla sensazione che si può provare dopo una giornata sulla spiaggia di Margherita di Savoia in 8 sotto un ombrellone, evitando accuratamente l’acqua del “mare” per non tornare a casa con un tumore. Una doccia ghiacciata dopo 6 ore di burraco sotto il sole, appunto.

La situazione invece sembra diversa: al contrario di ciò che inizialmente si poteva pensare (ma in realtà a pensarlo era solo la redazione del portale coratino), Sergio Tedeschi non lascia ma R-A-D-D-O-P-P-I-A. Mica scemo infatti, i conti se li è fatti bene. Manca un anno alle prossime elezioni per rinnovare il consiglio regionale, fin quando passa l’estate tra ferie e organizzazione se ne vanno altri tre mesi. I restanti otto se li passa al margine di quella che è una opposizione che vive all’ombra di Vendola come il PD nazionale vive all’ombra di Berlusconi e dove sicuramente per non rompere le uova nel paniere a nessuno se ne starà buono buono, calmo calmo a fare la parte dell’ultimo arrivato. E dato che tra un’anno si torna alle urne chi gliela fa fare di dare le dimissioni dal Palazzo di Città? Magari l’estate prossima si trova senza uno scranno nè alla regione e nè al comune…

Quelli che ci aspettano comunque sono mesi intensi per quanto riguarda la vita politica del centro destra, infatti l’outing dei vari Carlo Roselli, Pasquale Tarantini, dello stesso Tedeschi e chissà magari anche del deluso Pino Roselli animeranno le loro giornate, magari con qualche rissa, come voci di corridoio riferiscono sia già successo, o con un bel duello all’ultimo sangue, tipo Mezzogiorno di Fuoco all’ombra del campanile dell’Incoronata. Ci vivrà vedrà.

Annunci

3 thoughts on “Se Caputo si fa in 4, Tedeschi raddoppia

  1. Non conoscevo questa persona fino a quando non è stato intervistato in una televisione locale. Non mi è risultato molto simpatico, nè ritengo abbia detto cose importanti. Alla prima domanda del giornalista (sul doppio incarico), peraltro, ha reagito subito stizzito dicendo chiaramente che si trattava di una domanda idiota. E’ il modo peggiore e pericoloso (qualcun’altro lo avrebbe trucidato con domande insidiose) di esordire. La motivazione che ha dato urbi et orbi per giustificare il doppio ruolo è indice di egoismo. Spiace che il tempo esiguo che abbiamo a disposizione (e una certa ritrosia a confrontarsi degli eletti) non ci consente di interloquire con queste persone per comprendere cosa comprendono. I migliori auguri per il nuovo e aggiuntivo incarico sono doverosi. Anche perchè in questo caso nessuno si è fatto in quattro (per fortuna).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...