Il pizzetto biondo e Turiddo Magna

Ormai Pikaret è entrato nella parte, va in giro conciato da Turiddo Magna  (il fantomatico politico interpretato nello spot dell UDC) anche nella vita quotidiana, lo potete ammirare nel video al minuto 1:05, seminascosto da un Carlo Sacco che ha lo sguardo assonnato peggio del mio quando sono suo ospite dopo il turno di notte (chissa com’era interessante il discorso che stavano seguendo), spettacolare poi nell’intervista  l’On. Cesa che parla delle possibilità di Rana di diventare presidente della provincia con una convinzione delle sue parole degna di un Claudio Ranieri che ieri sera dopo il pareggio con l’Atalanta diceva di esser convinto di rimanere alla Juve al 99% anche l’anno prossimo…

Ormai ho deciso quella che sarà la prossima petizione che aprirò su Firmiamo.it: “Tagliamo quell’orrendo pizzetto biondo ad Attilio De Palma”. Ma se lo tinge?

Annunci

18 thoughts on “Il pizzetto biondo e Turiddo Magna

  1. HAI ragione ma il produttore dello Spot mi aveva sequestrato tutti i miei vestiti sino a quel giorno non avevo altro (menomale che me li ha ridati)

    1. Da quel che ho letto dai suoi post la ritengo abbastanza intelligente da andarsi a cercare la risposta da solo. Lunga vita alla Gandus!!!

      1. Sono più intelligente di quello che possa apparire dai post, ma non vedo perchè dovrei informarmi su Cesa, che non ho mai votato e non voterò mai per il semplice fatto che già mi appare poco capace, a prescindere da cosa possa nascondere. Lei, invece, aveva il dovere di dare una risposta a quelli che Le sono apparsi inebetiti e quindi non tanto intelligenti da andarsi a cercare la risposta.

  2. Cesa,il pony express
    Nel 1993 ha avuto un processo intentato per concussione, accusato dai magistrati romani di aver riscosso una tangente di trecentomila euro per conto del ministro dei Lavori Pubblici Gianni Prandini, subendo per questo in quell’anno un periodo d’incarcerazione, dopo alcuni giorni dall’ordinanza d’arresto. Inizialmente Cesa si sottrasse all’arresto, dal 6 all’8 marzo 1993, rimanendo due giorni in latitanza per poi consegnarsi spontaneamente al pubblico ministero.

    Nelle fasi del processo ha ammesso il verificarsi del fatto, dichiarandosene però estraneo, in quanto i soldi non sarebbero stati destinati a lui ma a Prandini, all’epoca ministro dei lavori pubblici e presidente dell’Anas e all’ingegner Antonio Crespo, direttore generale dell’ente.

    Cesa dichiarò di aver ricevuto delle contropartite politiche da parte del ministro che sovvenzionava le nostre iniziative politiche.”: il GUP riconobbe l’ “ampia confessione dei fatti contestati”.

    Il 21 giugno 2001 è condannato in primo grado, insieme ad altri responsabili, a 3 anni e 3 mesi di reclusione per corruzione aggravata. Con lui, Prandini riceve una condanna a 6 anni e 4 mesi e a Crespo vengono dati 4 anni e 6 mesi. Le imputazioni confermate riguardano 750 miliardi di lire in appalti truccati, che hanno fruttato agli interessati 35 miliardi di lire in tangenti tra il 1986 e il 1993.

    La Corte d’Appello ha annullato l’anno seguente la sentenza per aver riscontrato una incompatibilità del Gip: il Tribunale dei Ministri (assegnato per via del coinvolgimento del ministro Prandini), non può sostenere il ruolo accusatorio e deve restituire la causa al Gip di Roma, il quale dichiara gli atti del 2005 come “inutilizzabili” e dispone il “non luogo a procedere”. Intanto, subentra la prescrizione del reato grazie alle modifiche alla legislazione attuate dal Governo Berlusconi.
    Fonte wikipedia

  3. Ma non solo dell’On.le Cesa c’è da discutere, riguardatevi il filmato e notate la presenza di un altro esimio Grande Soggetto candidato al Parlamento Europeo: il CALABRESE (coi baffi il primo a partire da dx), plurindagato e sotto processo penale in attesa di sentenza penale di condanna On.le Trematerra. La nomina di Attilio De Palma a Commissario della locale sezione UDC di Corato ruota tutta intorno a questo personaggio che si vuole mandare a Strasburgo per fargli recupare l’immunità!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Il 6 e 7 Giugno votate, consapevoli di esercitare un sacrosanto diritto e che nelle mani di tutti NOI c’è un’arma preziosa che va usata con SANA INTELLIGENZA.

  4. Per le politiche giovanili hanno “convinto” un certo Ciriaco De Mita a essere capolista per le Europee. Largo ai giovani!

  5. Oggi Casini ha detto che è l’unico che può contrastare Berlusconi (o qualcosa di simile). Siccome questa settimana viene a Corato, se qualcuno ci va, può chiedergli per quale oscuro motivo non si è alleato con Prodi l’anno scorso subito dopo la disdetta di Mastella?

  6. Sono stato ufficialmente invitato tramite mail (in quanto utente di CoratoLive) all’appuntamento con Casini il 3 giugno prossimo. Non potrò esserci; spero che qualcuno faccia all’Onorevole la domanda delle 100 pistole per mio conto… ricordandosi di postare la risposta. Ne sarei immensamente grato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...