A bocce ferme

La spilla del blog

Una domenica particolare quella che è appena passata… mi son divertito molto. Ora vi spiego perchè.

Già dalle prime ore del mattino (di domenica parliamo delle 11.00, per quanto mi riguarda) noti che la città è in fibrillazione… tutti in giro, tutti ben vestiti, tutti sulla porta di una scuola o in qualche bar, tutti che ti salutano, insomma tutti estremamente e fastidiosamente gentili. Prima tappa della mattinata, ReNudo, dove incontro il mio amico candidato con la mia spilletta in mostra, che per ovvi motivi di bon ton e da buon politico candidato ci offre la colazione sotto nostra minaccia. La mattinata prosegue con un giro delle scuole… e noti con piacere che, come tanti pinguini in gruppo sulle lastre del Polo Nord, anche i candidati si attestano fuori dalle scuole, ti aspettano, ti salutano, ti indicano come votare per non rendere nullo il voto e ti rendi conto che in questi due giorni Dio li ha resi quasi divini donandogli il dono dell’ubiquità. I candidati sindaco li trovi ovunque, i candidati consiglieri idem dal Fornelli all’Istituto D’Arte, dal De Gasperi al Cesare Battisti, addirittura c’è chi fa il giro delle scuole con la scorta. Sarebbe stato più bello atterrare in elicottero… poco male, un’idea per le prossime comunali.

Nel pomeriggio verso le 17.30 decido di andare a votare. Mi metto anch’io la mia bella spilla del blog e vado. Fuori della scuola faccio i miei due primi incontri… un candidato dell UDC e uno de La Destra, rigorosamente entrambi nella stessa posizione in cui si son fatti raffigurare sul santino. Spettacolare. Dentro poi ne incontro uno del PD che timidamente mi saluta, ma l’incontro più bello l’ho fatto sulla porta del mio seggio. Un candidato dell’IDV, che mentre sul santino è andato al risparmio stampandosi la foto con la stampante di casa… ieri indossava un abito tutto luccicante e che sembrava nuovo di zecca…

In tutto questo contesto, da notare come cadeva l’occhio delle persone sulla mia spilletta… pronti ad aggredirmi verbalmente se questa fosse stata di qualche partito, illusi…

In serata poi la perla finale, nell’androne del Cesare Battisti, seduto ad una cattedra mentre faceva il piacione con una donna, uno dei candidati, uno di quelli con santino-bigliettino da visita, fumava tranquillamente in un luogo pubblico, senza curarsi minimamente delle leggi vigenti. Complimenti. Un ottimo esempio.

La domanda ora è: Indovinate chi sono i candidati di cui parlo?

Annunci

18 thoughts on “A bocce ferme

  1. Ad occhio direi che il candidato-tuo-amico-che-ha-offerto-la-colazione è Fabrias; quello che fumava in un luogo pubblico è Franco Caputo. 😀

  2. Lo ammetto: sono io. Ma l’ho fatto perchè conosco Kaiser e conosco me. Non sono così stupido da pensare di poter recuperare un voto offrendo un caffè ad un amico. E Kaiser è persona troppo limpida ed intellettualmente onesta da vendersi.
    Ah, Pippo: la tua spilla sia al comizio di chiusura che nei seggi è stata un successone.
    E poi ti ringrazio per quella cosa.
    A presto e m raccomand pomeriggie, min ad accid ;o)

  3. Il candidato UDC nella foto del santino assume una posizione perticolare, rimarcata dal mio commento… quindi non è Menduni, per quanto riguarda colui che fumava in luogo pubblico… ho detto che appartiene allo schieramento di sinistra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...